La resina è soprattutto una scelta di stile. Questo materiale è in grado di creare un legame armonico tra gli elementi architettonici e i complementi di arredo.

Impiegata inizialmente per i rivestimenti industriali è ben presto entrata nel mercato delle abitazioni private grazie alle sue eccezionali proprietà e alla sua grande versatilità che la rendono un prodotto stupefacente, adatto alle più svariate soluzioni decorative con il massimo dell’igiene.

I prodotti più comuni sono:

Resine spatolate

Resine autolivellanti

Microcement

RESINA SPATOLATA

Prevede una messa in opera con le tecniche classiche dello spatolato, sia in orizzontale che in verticale, conferendo alle superfici un aspetto materico ed eterogeneo. Con questa tecnica si ha la possibilità di avere effetti personalizzati. Essa inoltre è resistente, igienica, semplice da pulire e facile da usare anche per chi non è del mestiere.

RESINA AUTOLIVELLANTE

E’ la più personalizzabile. Grazie a essa si possono utilizzare tecniche miste che conferiscono grande singolarità al risultato, grazie al tipo di lavorazione totalmente manuale e non standardizzata in procedimenti ripetitivi. In questo modo si possono ottenere dei risultati eccezionali come: gli inserti geometrici, le decorazioni floreali o metalliche, l’effetto vetro, liscio, ruvido, madreperlaceo, opaco, e altre infinite possibilità di personalizzazione che offre questo modernissimo ed elegantissimo materiale .

Per chi volesse andare oltre  le tecnoresine:

  • Poliepo Termo: Resina epossidica termosensibile. Cambia colore al contatto delle fonti di calore.
  • Deca Texture: con effetti decorativi ispirati a soggetti vegetali e animali.
  • Poliepo Biolight: Resina esente da solventi. Essa ha colori particolarmente accesi di giorno mentre di sera con le luci soffuse diventa fluorescente.
  • Poliepo Biolux: Resina atossica che rilascia al buio l’energia accumulata durante l’esposizione alla luce diurna dando un leggero effetto stellato.

Grazie a una certa sensibilità ai raggi UV, si consiglia di trattare le resine autolivellanti decorative una volta l’anno con additivi specifici anti UV per preservare nel tempo la brillantezza dei colori.

Le resine decorative autolivellanti sono consigliate principalmente per piccoli ambienti o per superfici orizzontali (mobili compresi).

Gli spessori ristretti di appena 3mm permettono la posa direttamente sul vecchio pavimento senza dover fare demolizioni e senza dover adattare anche le porte. La sua conducibilità termica conferisce una ottima compatibilità con i sistemi termici a pavimento.

Commenti

commenti